comportamento: Coccole a pagamento a New York

Vi è mai capitato di incontrare nelle grandi piazze sparse per il mondo qualcuno con addosso il cartello ‘Free Hugs’? A New York ora gli abbracci non sono più gratis! Tranquilli, specifichiamo subito che non si tratta di una trovata ingegnosa per ricevere prestazioni sessuali in cambio di soldi, ma l’idea di Jackie Samuel potrebbe essere molto rivoluzionaria nella sua semplicità.

Questa agente di commercio ha infatti aperto la prima ‘coccoleria’ a pagamento nella Grande Mela fornendo ai suoi clienti sessioni di un’ora di abbracci, conforto, carezze e parole dolci alla modica cifra di 60 dollari.

Per mettere in piedi la snugglery, la 29 enne americana ha studiato ‘Il sutra delle coccole’, un libro in cui si mostrano 100 posizioni per fare le coccole senza sconfinare in atteggiamenti sessuali.
“Mi ha sempre affascinato il contatto fisico – ha dichiarato Jackie – Gioca un ruolo molto importante sul nostro senso di benessere e sulla salute in generale. Penso che ci sia moltissima gente che non ha nessuno nella vita che gli dia un tocco rassicurante, gli abbracci fanno bene”.

La sua sarebbe una vera e propria missione per risollevare l’autostima di quanti si sentono soli e vorrebbero qualcuno che li faccia sentire protetti e al sicuro. La Samuel, però, pensa già in grande e fantastica di assumere del personale pronto ad accudire poveri e senza tetto, ovviamente gratis.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sdog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: