SALUTE E BENESSERE: Perché “attiro” sempre quelli strani?

Quando nella vita di relazione incontriamo spesso solo un certo tipo di persone, dobbiamo “mettere lo sguardo” su qualcosa che è nascosto dentro di noi

Un amica lettrice di Riza Psicosomatica ci scrive: ” Fin da bambina ho sempre avuto una grande facilità a socializzare e tutt’ora ho un buon numero di amici e conoscenti. Ma c’è una cosa che mi accompagna nel corso degli anni e che oggi mi pesa molto: attiro persone fuori dal comune, un po’ strane, disadattate o emarginate che si attaccano a me e pretendono continue prove di amicizia e alla fine mi costringono a troncare il rapporto. Perché mi accade sempre così?».

Premettiamo una considerazione: è sempre difficile stabilire un confine tra la normalità e la stranezza, fra chi è integrato e chi è disadattato. Però è vero che alcuni si circondano apparentemente senza volerlo, di persone che sembrano“sul confine” tra queste due dimensioni, o forse a volte anche oltre quel confine. Individui pittoreschi, grotteschi, bisognosi, dipendenti, inconsueti, altamente nevrotici, dalle reazioni anomale e dai pensieri stravaganti. È come se avessero un magnete per questo tipo di umanità, per queste caratteristiche. E se all’inizio dei rapporti la cosa può far piacere e dare un senso di originalità, alla fine ci si ritorce contro: “gli strani” diventano petulanti, aggressivi, ingrati, ossessivi e ossessionanti.

Incontrare l’ombra
Se attiriamo queste persone cosiddette strane, il problema vero è la “nostra” stranezza, lo strano e lo straniero che sono in noi: cioè una parte di noi, sicuramente problematica e bisognosa, ma forse anche peculiare e creativa, che stiamo trascurando
e che non sappiamo come trattare, che ci attira ma che, quando la avviciniamo, finisce per crearci qualche guaio. Finché non accettiamo questa parte in noi, continueremo perciò a vivere questo schema all’esterno. Conoscerla e integrarla non ci portarà necessariamente a incontrare meno soggetti “strani”, ma a non permettere loro di invaderci la vita e gestire molto meglio il rapporto con questo lato di umanità che, se vissuto bene, può a volte rivelarsi proficuo e arricchente.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sdog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: