comportamento: COME TI PSICANALIZZO IL CANE .. I suggerimenti di Angelo Vaira, dog coach e conduttore dello show Cambio cane, a chi vuole adottare un quattrozampe parte 2

Spesso si parla di “troppa umanizzazione” del cane: ci sono dei limiti che la relazione uomo-cane non dovrebbe superare per essere sana?
Non è un errore in assoluto far dormire il cane sul letto o consentirgli di mangiare di fianco al proprietario a tavola. E’ un errore se il cane ha SOLO questo tipo di esperienze. Il punto non è se il cane sale sul divano, il punto è: gli stai facendo vivere uno stile di vita che è esclusivamente quello di un bambino? Se la risposta è sì, allora stai sbagliando tutto.

Se dovessi dare un consiglio a chi sta decidendo adesso di prendere un cane, cosa diresti?
Sicuramente di affrontare subito e con attenzione la questione razza. Non ci si deve fidare di quello che c’è scritto sui libri o di quello che dicono gli allevatori, che hanno ovviamente un conflitto di interessi che li porta a sostenere che tutti i cani sono per esempio adatti ai bambini. Non è così. Quello che bisognerebbe andare davvero a valutare è la funzione per cui una razza è stata creata e le sue tendenze comportamentali. Se prendo un beagle, cane piccino e tanto carino, in realtà devo sapere che sto prendendo un cane che corre decine di chilometri al giorno, si infila nelle tane, lotta con le prede, abbaia, ulula e tutte queste stesse cose me le farà in casa.

Come si abitua un cane al guinzaglio?
Per non farsi tirare al guinzaglio innanzitutto bisogna usarne uno lungo in modo che il cane, quando è fuori, possa sentirsi libero e riesca ad annusare per terra. Se lui tira e io gli vado dietro non faccio che avvallare questo suo comportamento: è come dirgli “bravo che tiri!”. Devo invece metterlo nelle condizioni di non aver bisogno di tirare e la formula vincente è: guinzaglio lungo e quando il cane tira ci si ferma e si cambia direzione.

E a fare i bisogni fuori?
Per fare i bisogni fuori la regola più importante da seguire è far sporcare il cane più volte fuori che in casa. Ci sono persone che tengono molte ore il cane in casa per portarlo al limite e farlo sporcare solo fuori e se trovano una pipì in casa lo puniscono. Questo non fa che stressare il cane che farà ancora più pipì. Bisogna, invece, farlo uscire spesso e per molto tempo, soprattutto all’inizio, in modo che sporchi il più possibile fuori, così da non essere più motivato a farlo in casa.

Come gli si fa a capire se se sta sbagliando nel relazionarsi con il proprio cane?
Se si perde la pazienza, se si ha bisogno di alzare la voce, di punire e obbligare il cane a fare delle cose, allora sì, si sta sicuramente sbagliando.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: