CANE E PADRONE SUL LETTINO: LE VISITE.

Spesso il proprietari di cani che manifestano problemi comportamentali vengono inviati dei veterinari o da addestratori allo psicologo canino quando, dopo aver provato vari “rimedi”, nessuno è venuto a capo del problema stesso o, molto più spesso, dopo il ripresentarsi del comportamento indesiderato del cane.

Molti padroni sono reticenti nel chiedere aiuto ad una figura così particolare come quella dello psicologo, in quanto partono del presupposto che è IL CANE che deve essere “curato” e non il proprietario. Molte volte però l’intervento in questione si rivela sostanziale per un cambiamento positivo della situazione che si è venuta a creare nella coppia uomo-cane.

Ma come si svolgono le visite dello psicologo canino?

In linea di massima, dopo il primo contatto del tutto informativo, lo psicologo vi chiederà di fissare un appuntamento nell’habitat abituale del cane: la vostra abitazione.

Le prime sedute, dove è auspicata la partecipazione di tutti i membri della famiglia, sono del tutto esplorative e lo psicologo, non solo osserverà il comportamento del cane ma anche quello con il quale lui e voi vi rapportate.

Acquisirà anche delle informazioni circa la vostra famiglia, sul perché e chi ha deciso di prendere un cane, sulle vostre abitudini, sulla vostra routine quotidiana.
Alcune domande vi potranno sembrare fuori luogo o poco attinenti allo scopo dell’incontro, ma servono a far comprendere bene le varie dinamiche che entrano in gioco nella famiglia dove è inserito il cane: più queste saranno chiare per lo psicologo, più sarà facile capire in che modo aiutare voi ed il vostro amico peloso a risolvere i problemi.

Dopo il primo incontro si focalizza l’attenzione sul problema esplicitato nella richiesta di aiuto e verranno fissate delle sedute di solito con cadenza settimanale dove il cane ed il proprietario incontrano lo psicologo ed insieme cominciano a lavorare.

Il lavoro e la metodologia di intervento varia molto a seconda della problematica da affrontare: alle volte è necessaria solo l’acquisizione di alcuni accorgimenti da parte del padrone e della famiglia perché la situazione si risolva, altre volte serve un vero e proprio “corso” per capire come comportarsi con il nostro amico, come stabilire con lui un rapporto sano e equilibrato, cercando così di risolvere la problematica affrontata alla base.

Lo psicologo quindi non sarà altro che un anello di congiunzione tra voi ed il cane, tra il mondo umano e quello canino.

Un buono psicologo canino dovrà essere in grado di farvi entrare nelle “zampe” del vostro cane, perché se sarete capaci di capirlo, saprete anche apprezzarlo nella sua unicità, con i suoi innumerevoli pregi e qualche difetto da mitigare!

Dall’altro lato, non dovrete mai dimenticare che, per la sua stessa formazione, lo psicologo saprà ascoltare e capire le possibili implicazioni emotive che vi portano ad avere atteggiamenti sbagliati verso il vostro amico peloso: non abbiate paura di aprirvi con lui, il suo dovere deontologico lo obbliga al rispetto della vostra privacy.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: