salute e benessere: Famiglie allargate: come vivere le ferie .. valido anche con l’ingresso di un cucciolo parte 2

La soluzione: non forzarli a diventare amici

Deve essere vacanza per tutti, anche per te, che rischi di rimanere sospeso tra sensi di colpa e frustrazione. Il problema, forse, è averli messi insieme quando non erano “ancora pronti”. In ogni caso, non sono tenuti a diventare “parenti”, anzi, meno glielo chiedi, più hai probabilità che il rapporto diventi amichevole. Intervieni il meno possibile e lascia che ognuno di loro decida quanta confidenza dare all’altro. Se tuo figlio ha paura di essere trascurato, concedigli qualche attenzione in più: lui è un bambino, l’altro un adulto.

Il bambino di lui mi considera un’intruso

È la prima volta che vai in vacanza con il tuo partner e suo figlio e ti piacerebbe instaurare un rapporto rilassato e amichevole col bambino. Non è detto che avvenga: il ragazzino potrebbe avere delle resistenze nei tuoi confronti e manifestarle in vario modo. Oppure, il tuo partner non vuole che tu ti “intrometta” tra loro due, mentre il bambino cerca di ottenere delle concessioni “extra” proprio da te.

La soluzione: non sei un vice-genitore

Non cercare di farti amico il figlio del tuo partner a tutti i costi, lo indurresti ad allontanarsi ancora di più. Né ti intromettere tra padre e figlio (ovviamente i consigli valgono anche per situazioni ribaltate, come madre e figlia), rischieresti di invadere momenti preziosi di un rapporto privatissimo. Meglio mostrarsi disponibili e attenti, mantenendo la giusta distanza, così da consentire al bambino di fare in autonomia le manovre di avvicinamento o allontanamento.

I figli miei e i suoi non fanno che litigare

I bambini familiarizzano con facilità: quando non avviene è perché gli adulti inseriscono delle complicazioni. Forse non dipende da te, forse l’ex partner del tuo nuovo compagno ha trasmesso dei rancori suoi al figlio. Che a questo punto diventa ostile all’“altro” fratello. A volte invece si tratta di caratteri che non riescono a conciliarsi o l’età è troppo ravvicinata o distante. Insomma, non è detto che vadano d’accordo e non è obbligatorio. Abbassare le aspettative è una premessa per evitare delusioni. Non solo: non sentirsi forzati ad andare d’accordo aiuterà i ragazzi ad avviare una relazione spontanea.

La soluzione: spazi esclusivi per tuo figlio

Soprattutto se tuo figlio è piccolo, riservagli momenti esclusivi da vivere senza l’ingerenza del partner e relativa prole. Un bagno, una passeggiata, un gelato voi due da soli, possono bastare a ricordargli che, anche se la famiglia si è allargata, continua a esistere uno spazio privato tra di voi. Approfitta del tempo fluido della vacanza per alternare attività comuni a momenti “a due”. Se scoppiano liti, evitate, tu il partner, di prendere le difese ognuno del proprio figlio: meno vi ingerite e vi schierate, più i ragazzi saranno sollecitati a trovare in autonomia un loro equilibrio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: