sociale : “Intransigenze” scatena il dibattito sui cani, le reazioni contro .. parte seconda

L’unica cosa dignitosa del suo articolo è forse il lessico, per il resto lo ritengo un inutile sproloquio. Io sono sicuramente un amante dei cani e di tutti gli animali in genere, ciò non toglie che comunque sappia essere obiettivo.

L’uomo non ha solo dipinto la Cappella Sistina, piantato la bandiera sulla luna e fatto un sacco di altre cose bellissime, purtroppo ha anche perpetrato la santa inquisizione, l’olocausto e un mare di altre cose non particolarmente esaltanti; io possiedo cani, avviso i miei eventuali ospiti della loro presenza e non obbligo nessuno a venire a casa mia; quanto al loro eventuale odore, a quanto costi mantenerli e se abbiano le zampe più o meno sporche Le ricordo che i romani dicevano”Omnis est faber sua quisque fortuna”; se Lei ha paura dei cani provi ad andare in Groenlandia là può essere che non ne troverà e comunque al freddo gli odori si sentono meno.

Leandro Mossino

La risposta di Cubeddu: Caro Leandro, grazie della mail (senza ironia). È stato molto simpatico. non ho paura dei cani, non li amo semplicemente intorno a me e penso sia profondamente innaturale il sovvertimento dei rapporti uomo animale che stiamo vivendo. Rispettare, voler bene e utilizzare gli animali mi sembra sano. Idolatrarli no. Ma è la mia opinione, che ho espresso con i toni adeguati alla rubrica che tengo il lunedì. Fatta per accontentare o scontentare, in un certo senso, dividere l’opinione dei lettori. Se posso permettermi un consiglio non si accalori tanto. L’intento è meno serio di quel che sembra. saluti. Marco Cubeddu

***

Penso che l’articolo apparso sul Secolo XiX in data odierna sia un scherzo che ha scritto per provocare, altrimenti non capisco come possa trovare spazio in tale quotidiano che al venerdi’ dedica una pagina ai nostri amici piu’ fidati. Se in caso non lo sapesse inoltre Kant ha scritto un pensiero che condivido appieno, ma leggendo il suo articolo non fa per lei “Puoi conoscere il cuore di un uomo gia’ dal modo in cui egli tratta gli animali”.

Luisa Gaggero

***

La presente per esprimere tutto il mio sdegno e la mia indignazione per l’articolo di Marco Cubeddu “ Stupido cane stai lontano dal web”. Riportato in data odierna a pag 1 e 11. Mentre tutte le testate italiane cercano di pubblicare articoli di sensibilizzazione nei confronti degli animali e contro gli abbandoni estivi…voi pensate bene di dare spazio a questa mente eccelsa! Ma leggete cosa pubblicate? “Mi darebbe certamente meno fastidio se tutti i cani di questo mondo venissero chiusi in un sacco e mollati su qualche isola remota ..”. VERGOGNA!!!!! Sono indignata in quanto amante degli animali e mi stupisco sinceramente della vostra superficialità nell’aver dato spazio a tale personaggio prestando il fianco a una provocazione alquanto discutibile…proprio voi che pensavo essere attenti ai nostri amici a 4 zampe… Concludo dicendo che il “signor Cubeddu” per me è un illustre sconosciuto e tale resterà…anche se forse dovrebbe chiedere scusa per la spiccata mancanza di sensibilità … A meno che non pensi di essere stato spiritoso… Grazie per l’attenzione

Lidia Turolla

***

Buongiorno, con l’articolo in questione, il vostro Marco Cubeddu si è superato: luoghi comuni e idiozie a profusione, tranne qualche verità sui padroni dei cani… Non ho un cane, ma li amo come tutti gli altri animali: non c’è bisogno di alimentare l’odio verso gli animali, ce n’è già fin troppo, ovunque nel mondo. L’articolo si contrappone alla (bella) notizia della forte presa di posizione attuata dall’amministrazione Comunale di Breno, contro l’individuo che ha massacrato il suo povero cane. Vedete, il signor Cubeddu ha perso l’occasione per scrivere un bell’articolo…. Ha preferito il qualunquismo becero… Da parte mia, sono tra quelli che pensa che, sì, “Gli animali sono molto meglio delle persone”….senza dubbio…e senza dubbio meglio del Cubeddu, anima triste ed egoista… E mi spiace per i poveretti come lui, che mai avrà l’acume di capirlo….

Cordiali saluti, ma non al Cubeddu….

Giorgio Rocca

***

Non pensavo che oggi, 4 agosto, avrei letto l’articolo più demenziale del pur giovane e corrente secolo. Congratulazioni !!

Emidio

***

Caro Marco Cubeddu, il caro e’ solo perche’ mi ritengo una persona a modo. Tu sei una brutta persona e se ti incontrassi e tu avessi il coraggio di farti riconoscrere, ti direi espressamente quello che penso di te. Il tuo articolo e’ una accozzaglia di scemenze, tu di cani non capisci un emerito cavolo di niente, ma ti pasci di scrivere un articolo di “rottura” perché ti piace andare contromano. I tuoi articoli del lunedi sono sempre di “rottura” ed io aggiungo di palle. Rimani pure nel tuo mondo asettico e circondati di esseri come te. So che non risponderai, non lo fai perché a te basta vedere il risultato dei tuoi articoli insulsi : ti piace solo rimestare. Un saluto che non meriti.

Max

***

Raramente ho letto qualcosa di più stupido del tuo articolo di oggi. Ho scritto fai solo pena perché chi dimostra questi sentimenti nei confronti degli animali può essere solo compatito perché altro non può essere che un poverissimo di spirito. Inutile controbatterti nello specifico ma ti ricordo solo che “uno” ha dipinto la cappella sistina “molti” hanno contribuito alle camere a gas (per non parlare di tutte le altre nefandezze). Tu probabilmente anzi sicuramente rientreresti nella seconda categoria, per ora te ne sta mancando solo l’occasione

Mauro Garaventa

***

Gentile Marco, rispetto la sua opinione… La informo però che non tutti i padroni dei cani sono dei cogl… (come lei lascia , neanche troppo velatamente, intendere) ; la informo che i cani se li tieni come si deve non puzzano, non ti saltano addosso, non invadono i tuoi spazi e sono effettivamente molto più piacevoli di molte persone! ( ed in questa calura estiva, più profumati delle ascelle alla cipolla di Tropea, dei miei vicini sul treno!) …. Grazie per i suoi articoli sempre pungenti! Ognuno deve poter dire la sua.. Basta che non sia un’enorme cavolata. Francesca Bonomo , Genova

***

Gentile signor Cubeddu, il suo articolo odierno sui cani ed i loro possessori è rivoltante. Cordialità.

Andrea Bottaro, Genova

***

Gentile Umano, capisco la provocazione e che uno si deve guadaganre da vivere . Ad esempio ci sono quelli che fanno combattere gli animali, li torturano, li mangiano, il avvelenano (ci sarà mica un incremento dopo il suo editoriale?) ma questo è normale anzi è umano. Io sto con quelli che lei giudica negativamente e allo stesso tempo sto con San Francesco patrono d’Italia da tanti secoli e con Sant’Antonio (si informi su questi santi per capire il loro rapporto con le bestie come le chiama lei). In attesa che la parola iigiene valga anche per tutti gli umani econ il dubbio che forse le umane torture ai pazienti degli ospizi registrate recentemente in Liguria, piccolo esempio di lager nazisti, sono la sintesi di come deve essere il rapporto con le bestie come le chiama lei concludo dicendole che sicuramente le bestie non hanno dipinto la cappella sistina per far contento il Papa padrone ma per fortuna nemmeno scritto editoriali. La saluto e mi auguro che presto dia vita ad un pubblico dibattito sulle sue argomentazioni. Nel frattempo mi tengo stretto il mio cane mentre leggo il Secolo XIX che compro e sul quale sono convinto di leggere prima o poi un suo editoriale su dove fanno i loro bisogni ad esempio i clochard di cui ho ciò rispetto della loro condizione e tanti altri Umani che usano i luoghi pubblici come latrine a cielo aperto.

Santo

***

Buongiorno, ho letto l’articolo apparso sul Secolo XIX. Ho trovato l’articolo fuori luogo e senza senso. Il fatto di scrivere una pagina contro gli animali e noi umani “FANATICI” di animali mi sembra assurdo e senza significato. Ma non ha altro argomento su cui scrivere? magari della mancanza di “umanità’” nel mondo contro anziani, bambini, immigrati, sulle guerre che affliggono la meravigliosa razza UMANA o su argomenti piu’ leggeri come un bel libro o la natura? Amare gli animali non significa essere fanatici anzi tutt’altro. Chi ama gli animali e la natura ama ancora di piu’ tutti gli altri esseri umani che spesso, mi dispiace deluderla, non sono per niente UMANI nè con i propri simili e ancor meno con la natura. Tutti siamo esseri VIVENTI creati da un DIO che ci insegna a condividere questo pianeta con AMORE soprattutto nei confronti dei piu’ deboli e di chi non puo’ difendersi come gli anziani, i bambini e , mi dispiace per lei, anche gli animali. Per concludere voglio dirle che sono molto contenta di essere, come lei ci descrive, una FANATICA DEGLI ANIMALI E NE VADO MOLTO FIERA!

Licia Necchi

***

Gentile signor Cubeddu, ho letto il suo articolo solo in seguito alle reazioni che ha suscitato, perché mi dispiace dirle che non sono una sua fan. Per quanto riguarda le esagerazioni e le esasperanti attenzioni di alcuni padroni per i loro quadrupedi condivido la sua opinione che sarebbe stata più’ efficace, a mio avviso, se più contenuta. Ma le faccio osservare che lo stesso ribrezzo che lei prova per i cani, altri lo provano per i tatuaggi, per i piercing, le barbe, i capelli a cespuglio. Io lo provo per gli intolleranti che, magari non conoscendo da vicino, le varie situazioni, trinciano giudizi, avvalorando la frase da lei citata e definita inconsapevolmente nazista che “Gli animali sono molto meglio delle persone”: non di tutte, ovviamente, ma di alcune decisamente sì. Cordiali saluti

Rita

***

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: