sociale: ANIMALI AL SEGUITO, BRAMBILLA: “LIBERO ACCESSO AI LUOGHI PUBBLICI”

ECCO LA PROPOSTA DI LEGGE. “UNA SCELTA DI CIVILTÀ”

“Una scelta di civiltà: ribaltare la prospettiva generalmente adottata, cioè specificare che il libero accesso ai luoghi pubblici o aperti al pubblico con animali al seguito rappresenta la regola generale”. Questo è il senso della proposta di legge a sua firma (AC 451) che l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, ha illustrato oggi al parco Forlanini di Milano, nell’ambito del 24.o Raduno Cani Simpatia organizzato dalle associazioni Diamoci La Zampa e Gaia Animali & Ambiente.

“Secondo il rapporto Eurispes 2014 – premette la parlamentare di Fi – circa 4 italiani su 10 convivono con un animale domestico, soprattutto cani e gatti. I cani registrati all’anagrafe sono più di 7 milioni. Per i gatti non abbiamo cifre ufficiali ma parliamo comunque di numeri molto consistenti. E’ tempo di superare d’un balzo i divieti – alcuni privi di qualsiasi logica – che ancora impediscono alle persone con un animale al seguito di accedere ai mezzi di trasporto pubblico o alla maggior parte dei luoghi pubblici o aperti al pubblico, insomma, di “vivere” liberamente con accanto il proprio amico a quattro zampe. Il tutto è complicato dal fatto che la materia non è oggi regolata secondo un principio guida uniforme, ma per lo più demandata alla decisione delle autorità locali. Abbiamo risposto con successo a questa domanda di mobilità con la rivoluzione operata sui treni, dove da più di due anni, grazie all’accordo fra le Ferrovie dello Stato e la Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, è possibile viaggiare anche con cani di grossa e media taglia. Tra giugno ed agosto le vendite di questi biglietti, da parte di Trenitalia, sono aumentate del 10 per cento: abbiamo vinto una battaglia decennale dei movimenti animalisti e considero questo risultato un bel regalo per milioni di italiani”.
“Il mio testo – prosegue l’on. Brambilla – interpreta un nuovo e diffuso sentimento di rispetto nei confronti degli animali e mira a promuovere un cambiamento epocale, per tutti coloro che convivono con amici a quattrozampe e li considerano ormai come membri della famiglia. Finalmente l’Italia è pronta. Mettiamoci al passo con i tempi, è arrivato il momento di far cadere divieti insensati o anacronistici. Il caso tipico a cui penso è quello degli esercizi pubblici. Oggi, a seconda dei regolamenti comunali, l’esercente può appendere il fatidico cartello “Io non posso entrare”. Con la mia impostazione, potrà farlo solo in presenza di concrete e inderogabili esigenze di tutela igienico-sanitaria o comunque sulla base di criteri esplicitamente indicati dalla legge. Già ora gli italiani – ricorda l’ex ministro – devono sapere che, a parte i luoghi dove vengono preparati o immagazzinati gli alimenti, nessuna legge vieta l’ingresso in un bar o in un ristorante con un animale al seguito. Anzi, il “Manuale di corretta prassi operativa” per la ristorazione, la gastronomia, la gelateria e la pasticceria, diffuso l’anno scorso dalla Fipe, certifica che, nei limiti suddetti, l’accesso dei cani con guinzaglio e museruola è permesso”.

“Per quanto riguarda le spiagge – conclude l’on Brambilla – la richiesta è che vi siano sempre dei tratti di litorale riservati agli utenti con animali da compagnia. Negli ultimi anni alcune amministrazioni regionali di centrodestra hanno legiferato positivamente sul tema dell’accessibilità, penso al Friuli-Venezia Giulia, all’Abruzzo e al Veneto. Ma non ci possono essere disparità tra i cittadini di Regioni diverse. Ci vuole una legge nazionale per dare a tutti i proprietari di animali la libertà di movimento a cui hanno diritto”.

Il testo traduce in forma di proposta di legge i contenuti di due accordi firmati dall’on. Brambilla – prima in qualità di ministro del Turismo, poi come portavoce della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente – con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani per predisporre due ordinanze-tipo che sono state recepite da molte amministrazioni comunali: la prima riguarda i Comuni costieri e l’individuazione di tratti di spiagge riservati ad utenti con animali al seguito, la seconda riguarda tutti i Comuni e liberalizza l’accesso dei cittadini accompagnati da animali domestici negli uffici pubblici, nei pubblici esercizi e sui mezzi di trasporto pubblico.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: