«È uno di famiglia e vi spiego perché» .. vedersi dentro

Non tecniche di addestramento classico per insegnare al cane ad eseguire qualche comando e neppure un semplice corso di buona educazione per aiutarlo a vivere in mezzo agli altri. L’idea è che il cane sia un membro della società, con proprie emozioni, propri bisogni e, soprattutto, una propria personalità. «L’etologia cognitiva, le nuove scienze e le esperienze di studiose – hanno dimostrato non solo che gli animali hanno una vita di relazione molto complessa ma che rispondono pure a codici etici e morali e hanno perfino un senso della giustizia. Per questo un cane in famiglia deve essere visto come essere pensante, con una vita personale ricca e proprie vocazioni ed esigenze. I suoi neuroni specchio lo aiutano a vederci e aiutano noi a vedere lui». Tra cane e essere umano si crea una relazione che diventa forza, come lo sono l’amore o l’amicizia, quando uno più uno non dà 2, ma molto di più.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: